Warning

In caso di dubbi sulla correttezza del contenuto di questa traduzione, l’unico riferimento valido è la documentazione ufficiale in inglese. Per maggiori informazioni consultate le avvertenze.

Original

Documentation/process/submit-checklist.rst

Translator

Federico Vaga <federico.vaga@vaga.pv.it>

Lista delle verifiche da fare prima di inviare una patch per il kernel Linux

Qui troverete una lista di cose che uno sviluppatore dovrebbe fare per vedere le proprie patch accettate più rapidamente.

Tutti questi punti integrano la documentazione fornita riguardo alla sottomissione delle patch, in particolare Documentation/translations/it_IT/process/submitting-patches.rst.

  1. Se state usando delle funzionalità del kernel allora includete (#include) i file che le dichiarano/definiscono. Non dipendente dal fatto che un file d’intestazione include anche quelli usati da voi.

  2. Compilazione pulita:

  1. con le opzioni CONFIG negli stati =y, =m e =n. Nessun avviso/errore di gcc e nessun avviso/errore dal linker.

  2. con allnoconfig, allmodconfig

  3. quando si usa O=builddir

  1. Compilare per diverse architetture di processore usando strumenti per la cross-compilazione o altri.

  2. Una buona architettura per la verifica della cross-compilazione è la ppc64 perché tende ad usare unsigned long per le quantità a 64-bit.

  3. Controllate lo stile del codice della vostra patch secondo le direttive scritte in Documentation/translations/it_IT/process/coding-style.rst. Prima dell’invio della patch, usate il verificatore di stile (script/checkpatch.pl) per scovare le violazioni più semplici. Dovreste essere in grado di giustificare tutte le violazioni rimanenti nella vostra patch.

  4. Le opzioni CONFIG, nuove o modificate, non scombussolano il menu di configurazione e sono preimpostate come disabilitate a meno che non soddisfino i criteri descritti in Documentation/kbuild/kconfig-language.rst alla punto “Voci di menu: valori predefiniti”.

  5. Tutte le nuove opzioni Kconfig hanno un messaggio di aiuto.

  6. La patch è stata accuratamente revisionata rispetto alle più importanti configurazioni Kconfig. Questo è molto difficile da fare correttamente - un buono lavoro di testa sarà utile.

  7. Verificare con sparse.

  8. Usare make checkstack e make namespacecheck e correggere tutti i problemi rilevati.

    Note

    checkstack non evidenzia esplicitamente i problemi, ma una funzione che usa più di 512 byte sullo stack è una buona candidata per una correzione.

  9. Includete commenti kernel-doc per documentare API globali del kernel. Usate make htmldocs o make pdfdocs per verificare i commenti kernel-doc ed eventualmente correggerli.

  10. La patch è stata verificata con le seguenti opzioni abilitate contemporaneamente: CONFIG_PREEMPT, CONFIG_DEBUG_PREEMPT, CONFIG_DEBUG_SLAB, CONFIG_DEBUG_PAGEALLOC, CONFIG_DEBUG_MUTEXES, CONFIG_DEBUG_SPINLOCK, CONFIG_DEBUG_ATOMIC_SLEEP, CONFIG_PROVE_RCU e CONFIG_DEBUG_OBJECTS_RCU_HEAD.

  11. La patch è stata compilata e verificata in esecuzione con, e senza, le opzioni CONFIG_SMP e CONFIG_PREEMPT.

  12. Se la patch ha effetti sull’IO dei dischi, eccetera: allora dev’essere verificata con, e senza, l’opzione CONFIG_LBDAF.

  13. Tutti i percorsi del codice sono stati verificati con tutte le funzionalità di lockdep abilitate.

  14. Tutti i nuovi elementi in /proc sono documentati in Documentation/.

  15. Tutti i nuovi parametri d’avvio del kernel sono documentati in Documentation/admin-guide/kernel-parameters.rst.

  16. Tutti i nuovi parametri dei moduli sono documentati con MODULE_PARM_DESC().

  17. Tutte le nuove interfacce verso lo spazio utente sono documentate in Documentation/ABI/. Leggete Documentation/ABI/README per maggiori informazioni. Le patch che modificano le interfacce utente dovrebbero essere inviate in copia anche a linux-api@vger.kernel.org.

  18. Verifica che il kernel passi con successo make headers_check

  19. La patch è stata verificata con l’iniezione di fallimenti in slab e nell’allocazione di pagine. Vedere Documentation/fault-injection/.

    Se il nuovo codice è corposo, potrebbe essere opportuno aggiungere l’iniezione di fallimenti specifici per il sottosistema.

  20. Il nuovo codice è stato compilato con gcc -W (usate make EXTRA_CFLAGS=-W). Questo genererà molti avvisi, ma è ottimo per scovare bachi come “warning: comparison between signed and unsigned”.

  21. La patch è stata verificata dopo essere stata inclusa nella serie di patch -mm; questo al fine di assicurarsi che continui a funzionare assieme a tutte le altre patch in coda e i vari cambiamenti nei sottosistemi VM, VFS e altri.

  22. Tutte le barriere di sincronizzazione {per esempio, barrier(), rmb(), wmb()} devono essere accompagnate da un commento nei sorgenti che ne spieghi la logica: cosa fanno e perché.

  23. Se la patch aggiunge nuove chiamate ioctl, allora aggiornate Documentation/userspace-api/ioctl/ioctl-number.rst.

  24. Se il codice che avete modificato dipende o usa una qualsiasi interfaccia o funzionalità del kernel che è associata a uno dei seguenti simboli Kconfig, allora verificate che il kernel compili con diverse configurazioni dove i simboli sono disabilitati e/o =m (se c’è la possibilità) [non tutti contemporaneamente, solo diverse combinazioni casuali]:

    CONFIG_SMP, CONFIG_SYSFS, CONFIG_PROC_FS, CONFIG_INPUT, CONFIG_PCI, CONFIG_BLOCK, CONFIG_PM, CONFIG_MAGIC_SYSRQ, CONFIG_NET, CONFIG_INET=n (ma l’ultimo con CONFIG_NET=y).